Cos'Ť il rapporto di visita medica (RVM) richiesto per ottenere la cessione del quinto? Scopriamo come funziona e chi lo richiede
27
Luglio
2014

Il rapporto di visita medica (RVM) per la cessione del quinto

Cessione del quinto anche per chi riceve pensione di invalidità. La richiesta, accompagnata da polizza assicurativa, va preceduta dal cosiddetto RVM, ovvero il Rapporto di Visita Medica compilato dal medico di famiglia.

L'RVM funge da garanzia per l'ente finanziatore, e serve a dichiarare la buona salute del pensionato. Ecco perchè non tutte le persone che usufruiscono di pensione di invalidità possono richiedere la cessione del quinto.

Quali criteri regolano la concessione di un prestito INPDAP? La valutazione del caso sarà circostanziata e accompagnata da un rapporto di visita medica redatto dal medico curante, che specifica nel dettaglio tutte le patologie di cui soffre il richiedente. In genere l'invalidità del pensionato non dev'essere di tipo grave, ovvero non deve comportare elevati rischi di morte. Sono escluse, dunque, tutte le patologie di tipo generativo, ma anche i pazienti a rischio infarto o ictus.

L'RVM viene redatto grazie ad un modulo che l'istituto di credito si preoccupa di fornire al pensionato. In seguito, dopo la visita medica e la compilazione della modulistica, il soggetto erogatore può valutare il rapporto e decidere se accettare o meno la richiesta di cessione del quinto.

In genere l'istituto di credito richiede un RVM quando il pensionato ha almeno 70 anni. In caso contrario è sufficiente una dichiarazione di buona salute redatta dal pensionato stesso.

Puoi contattare TLT Fincredit per un preventivo o qualsiasi chiarimento ulteriore sulla cessione del quinto per pensionati. 

245 = 5,63 (+ 0,16)